Home - Mappa sito - Ricerca - Credits

Guerra di Crimea

Francia

foto 1 1 – Granadier de la Garde Impériale.

La Guardia francese entra in campagna con l'uniforme della sua costituzione, vale a dire con i pantaloni blu. E' di lì a poco l'adozione di quelli rosso garanza. Fonte: acquerello di A. Dumaresq. Modifica di una figura Andrea Miniaturas di epoca napoleonica. 54 mm..

 

 

 

 

foto 2 2 – Voltigeur de la Garde Impériale in grande uniforme.

Fonte: tavola uniformologica di J. Gaildrau. Pezzo unico con utilizzo di materiali Metal Modeles e Prestige. 54 mm..

 

 

 

 

foto 3 3 – Voltigeurs de la Garde Impériale, Tambour-Major.

Fonte: tavola uniformologica di Lalaisse. Tipici sono il piumetto giallo a base rossa e le spalline con corpo e frangia rossi e crescente giallo. Figura Prestige modificata. 54 mm..

 

 

 

 

foto 4 4 – Chasseur à Pied de Ligne in uniforme da campagna.

La corta mantellina (collet à capucheon) è prerogativa delle truppe leggere francesi dell'epoca. Fonte: acquerello di Lecomte. Figura autocostruita. 54 mm..

 

 

 

 

foto 5 5 – Infanterie de Ligne, 10° rgt., voltigeur.

Uniforme da campagna con pantaloni bianchi, cappotto a colletto arrovesciato e foulard celeste. Fonte: acquerello di G. Cadogan. Pezzo unico con uso di materiali eterogenei. 54 mm..

 

 

 

 

foto 6 6 – Infanterie Légère, ufficiale indossante il soprabito di foggia nord africana detto caban. Fonte: acquerello di Lalaisse. Pezzo unico ricavato da una figura Le Cimier. Pittura: F. Cheli. 54 mm..

 

 

 

 

 

foto 7 7 – Zouaves de la Garde Impériale, Tambour-major.

La figura è il frutto dell'elaborazione di un pezzo Le Cimier ed è ispirata ad un acquerello di Toussaint. 54 mm..

 

 

 

 

foto 8 8 – Zouaves de Ligne, zuavo in tenuta di quartiere.Pezzo unico con uso di materiale Le Cimier. Fonte: M. Petard. 54 mm..

 

 

 

 

 

foto 9 9 – Légion Etrangère, caporale.

I pantaloni rosso garanza erano prerogativa della Fanteria di Linea e della Legione Straniera. La figura, autocostruita, è ricavata da una tavola uniformologica di A. Cueto. 54 mm..

 

 

 

 

foto 10 10 – Ufficiali di Artiglieria così come sono rappresentati in una tavola di Lalaisse. Figure autocostruite. 54 mm..

 

 

 

 

 

foto 11 11 – Artillerie à Pied de Ligne, conducteur.

Si notino i rinforzi in cuoio nero dei pantaloni da cavallo e la tipica linea sartoriale "Secondo Impero" della veste. Pezzo unico con uso di materiali Historex e vari. 54 mm..

 

 

 

 

foto 12 12 – Ufficiale della Artillerie à Cheval de la Garde Impériale in piccola uniforme.

La figura trae ispirazione da vari artwork coevi (Lalaisse, Dumaresq, ecc.). Elaborazione di un cavallo Airfix; figura sostanzialmente autocostruita. 54 mm..

 

 

 

 

foto 13 13 – Génie del Garde Impériale, ufficiale in piccola tenuta.

La feluca di dimensioni contenute era assai diffusa nell'ambito dell'uniformologia francese dell'epoca. Fonte: tavola uniformologica di M. Pétard. Figura autocostruita. 54 mm..

 

 

 

 

foto 15 14 – Dragone del 6° rgt. in uniforme da campagna.

Fonte: artwork moderno di D. Lordey. Casco ricoperto da una teletta e pantaloni à fausses bottes. Pezzo unico con uso di materiale Metal Modeles. 54 mm..

 

 

 

 

foto 15 15 - Chasseurs d'Afrique, ufficiale in uniforme da campagna.

Tipici di questo reparto sono i 7 gruppi di cordelle nere (brandebourgs) che attraversano il petto della veste e terminano in due olivette di alamaro anch'esse nere. Fonte: fotografia di R. Fenton. Elaborazione di materiali Metal Modeles (cavallo) e Le Cimier. 54 mm..

 

 

 

 

foto 16 16 - Ussari: ufficiale del 4° reggimento in piccola uniforme e ussaro del 1° reggimento in uniforme da campagna..

I pantaloni di entrambi sono del tipo detto à fausses bottes (falsi stivali). Si osservi l'insegna di grado "a fiorone" con il tipico andamento sopra-sotto alternato del gallone che lo costituisce. Pezzi unici con uso di materiali eterogenei. 54 mm..

 

 

 

 

foto 17 17 – Il generale Mac-Mahon a Malakoff.

Presa d'assalto dalle truppe leggere francesi, la ridotta Malakoff facente parte del dispositivo russo a difesa di Sebastopoli, venne da queste saldamente occupata. Il generale Mac-Mahon che alla testa delle sue truppe vincitrici ne aveva occupato la sommità riceveva dagli alleati inglesi il "suggerimento" di abbandonare la posizione. La sua risposta fu perentoria: "qui sono e qui resto!". La composizione si ispira ad un dipinto ottocentesco. Pezzi unici con utilizzo di materiali Le Cimier. 54 mm..

 

 

 

 

Torna su.